Info: Chi siamo | Come acquistareFAQ | Librerie fiduciarie | Contatti | Per i librai

 Dove sono: MeteoShop > Scienza e pensiero > Sviluppo insostenibile > Come sopravvivere allo sviluppo

 


Ingrandisci

COME SOPRAVVIVERE ALLO SVILUPPO
Dalla decolonizzazione dell'immaginario economico alla costruzione di una società alternativa
Latouche S.
Bollati Boringhieri , 2005
144 pagine, bianco/nero, no illustrazioni,
cop. in brossura, dim. x cm .
€9.5 
Sconto di € 0.5 per i soci SMI 


| Descrizione | Autori | Indice | Un estratto

Livello: Principianti | Voto:
Giudizio Recensione

 
Disponibile entro 2-3 giorni lavorativi + spedizione
Per acquistare:
Metti nel carrello  | Vedi il carrello

UN ESTRATTO

Vita, morte e resurrezione di un concetto

Poco più di centoquarant’anni fa è nata una grande speranza per l’umanità, soprattutto per gli umiliati, gli oppressi, gli esclusi. Questa speranza si chiamava « socialismo ».
Poco più di settant’anni fa, degli uomini, per la maggior parte generosi e coraggiosi, hanno intrapreso con successo l’opera di dare corpo a quell’ideale e di costruire il socialismo. Per farlo, si sono sacrificati, e hanno anche sacrificato altri, molti altri.., generazioni e generazioni sono state sacrificate per costruire un avvenire radioso. E poi, dopo anni e anni, si è cominciato a capire che il socialismo altro non era che il socialismo realmente esistente. Era quello e solo quello. E si è scoperto che il socialismo realmente esistente significava il gulag più la nomenklatura, con Chernobyl in sovrappiù...
Poco più di cinquant’anni fa, per i nuovi «dannati della terra», i popoli del Terzo mondo, è nata un’altra grande speranza paragonabile a ciò che era stato il socialismo per il proletariato dei paesi occidentali. Una speranza forse più sospetta nelle sue origini e nei suoi fondamenti, in quanto erano stati i bianchi a portarne i semi, che avevano piantato prima di lasciare i paesi che avevano duramente colonizzato. Questa speranza era lo sviluppo. Comunque sia,i responsabili, i dirigenti e le élite dei paesi di nuova indipendenza presentavano ai loro popoli lo sviluppo come la soluzione di tutti i problemi.
I nuovi Stati indipendenti hanno tentato l’avventura dello sviluppo. Forse l’hanno fatto in modo maldestro, e spesso con una violenza e un’energia disperate, ma non si può dire che non l’abbiano tentata. Il progetto sviluppista costituiva anzi la sola legittimità delle élite al potere. Sicuramente si potrebbe discettare all’infinito per stabilire se esistevano o meno le condizioni oggettive per il successo dell’avventura modernista. Pur senza aprire questo enorme capitolo, si deve comunque riconoscere che le condizioni non erano affatto favorevoli né a uno sviluppo pianificato né a uno sviluppo liberale. I responsabili dei giovani Stati si trovavano di fronte a contraddizioni insolubili. Non potevano né rifiutare lo sviluppo né realizzarlo. Di conseguenza non potevano né rifiutare di introdurre né riuscire a radicare nelle loro realtà i diversi elementi che costituiscono la modernizzazione: l’educazione, la medicina, la giustizia, l’amministrazione, la tecnica occidentali. Freni, ostacoli e blocchi di ogni tipo, cari alle analisi degli economisti, rendevano poco credibile il successo di un progetto che implicava la capacità di accedere alla competitività internazionale nel momento in cui si preparava l’ipermondializzazione attuale, ovverosia la guerra economica generalizzata. Lo sviluppo, per quanto teoricamente riproducibile, non è universalizzabile. Le ragioni più note e più facilmente comprensibili di questo fatto sono quelle ecologiche: la finitezza del pianeta renderebbe il tentativo di generalizzazione del modello di vita americano impossibile ed esplosivo.
(continua sul libro...)

 

 

 

Acquistando i prodotti del MeteoShop contribuirai allo sviluppo della meteorologia italiana,
sosterrai la pubblicazione della rivista
Nimbus e le iniziative della Società Meteorologica Italiana.

Meteoshop è un marchio ed un servizio gestito dalla Società Meteorologica Subalpina, socio fondatore  della Società Meteorologica Italiana Onlus. SMS è iscritta alla CCIAA di Torino - REA n°876410 ed è autorizzata al commercio elettronico e a mezzo posta dal Comune di Torino, autorizzazione  n° 2205159 del 26.04.2001

Società Meteorologica Subalpina, via Real Collegio 30, 10024 Moncalieri TO - tel 3470804444, 3351447169,  meteoshop@nimbus.it - © 2015, tutti i diritti riservati